Wednesday, October 17, 2007

SoloMacello, come tutti i rincoglioniti avranno capito, festeggia trent'anni. Volevo dire due. SoloMacello è un'entità indipendente, tant'è che, come vedete, non ci sono link sulla colonna di destra. Non ci sono perchè non siamo i soliti pezzenti che fanno gli elitari e gli esclusivi e poi riempiono il blog di bottoni e banner per mendicare visite. Come se più stronzi che vengono a leggere le vostre cacate dessero loro un senso di legittimità. SONO STRONZATE E STRONZATE RESTANO.

Ma un minimo di cameratismo lo proviamo anche noi. Non per simpatia o calore umano. Per ridere dei poveri scemi che vengono qui, vogliono fare i simpatici e la
sciano dei commenti per ingraziarsi la Sacra Corona Unita Del Metal. Tipo questo. Il messaggio è: non fate ridere. Lasciate perdere. Possibilmente toglietevi la vita.

E per festeggiare i trent'anni di SoloMacello inauguriamo oggi una serie di post all'interno della quale i nostri "amici" (SoloMacello non ha amici. Solo conoscenti, tipe e nemici.) ci raccontano una loro esperienza metal o un loro ascolto metal, che vengono poi passati ai raggi XXX dall'occhio che tutto vede e tutto comprende di SoloMacello. Quello che ne esce è la solita latrina, ma abbiamo infamato qualcuno facendogli cr
edere che lo volevamo a far festa con noi.

Si comincia con quell'appezzi di http://thedarksideofettor1.blogspot.com che ci parla della prima volta che siamo andati a Londra a vedere i Neurosis. Grazie al cazzo, c'eravamo anche noi.


Londra, 18 Dicembre 2004. Sei stronzi messi come il culo che si sparano in endovena un viaggio GNIENTAFFATTO faticoso (si ragiona in termini di cosa ci aspetta all’arrivo) per sollazzarsi con ottimo hashish recuperato nella città inglese e uccidersi del tutto al concerto dei Neurosis, ospite Jarboe, la bonazza degli Swans con la voce di gelida tenebra che ti penetra fin nelle ossa. Grazie al TeLeTrasportoDovePensiTu del Sindaco stavamo su col nastro isolante e il buco del culo sul gomito fu abbastanza scomodo da usare, per qualche minuto, ma sono sofisticherie; bòlas, birra e ricerca del locale ci ricostruiscono e si inizia a darci un tono. We feel Gayna! Sì perché il posto è il Forum, a due passi dall’Astoria in Kentish Town, luogo anale da raggiungere. Dopo un agghiacciante fish&chips vicino l’ingresso, un vivace buttadentro negro dimensionato 2x2 esclama “let’s go hommies, fill the gap!” che in cockney potrebbe voler dire “entrate quel culo da froci o uscite dai coglioni” (per il mio pc ciglioni). La location è pettinata e dopo un po’ di fumate la mattanza inizia. The Tide, Under The Surface, Burn, A Sun That Never Sets, Stones From The Sky, Neurosis & Jarboe qb. Lei alla voce: abito nero vedo-non-vedo, occhi di ghiaccio, voce che stritola l’anima, sensualità e presenza schiaccianti. I Neurosis al resto: unici, tribali, sonici, atmosfera d’incubo, effetti visivi su grande schermo circolare alle spalle del palco, spiriti nell’aria. Fu una serata apocalittica e io ne uscii sconvolto. Come ai due devastanti live dei Sunn o))) in Legnano e Ravenna ma diverso… più intensità, più profondità –perché i Neurosis sanno scavare più a fondo di tutti– più alienazione. Sentivo il corpo piegato di lato, come spezzato. E l’anima fuori. Gli occhi mandavano immagini distorte eppur cristalline. Ma non erano i miei. E, alla fine, nemmeno quel grasso cannone che mi ritrovai tra le dita, e che prontamente fumai e passai ai compagni d’avventura, era mio. Nel cranio qualcosa vorticava e pulsava. Passammo il resto della notte in strada. Dopo ore di vagabondaggi per Londra non si era riusciti a riscaldarci del tutto; un bel po’ prima delle prime luci dell’alba l’autista del bus a due piani ci ricorda, a voce alta, che il viaggio è finito: “end of the ride guys…” e per un po’ il pensiero di Steve Von Till che urla le note di End Of The Harvest si affacciò all’anticamera del cervello.

Allora, Caro Ettor1 del Porco Dio, tre cose:
UN O))) Noi capiamo che le trasferte hanno sempre un effetto affaticante su chi le compie, ma tutta 'sta gayna per Jarboe da dove arriva? Ci permettiamo di ricordarti che quando Jarboe è salita sul palco tu non te ne sei accorto, uno di noi ti ha tirato una gomitata e ti ha detto "Oh c'è Jarboe!" e tu ti sei girato di scatto verso il bar urlando "ANDOVE????"

DU E))) Bella idea del cazzo comprarti un disco in vinile (di un gruppo del quale ti piaceva il nome ma non avevi altri indizi) il pomeriggio per poi scarrozzartelo tutta la giornata e la notte (per fortuna tua c'era il guardaroba al concerto) nella busta di plastica con -54 gradi e niente guanti.

TR E))) Almeno stavolta non sei svenuto! E in ogni caso il Premio Più Appezzi l'ha vinto il Sindaco ordinando pane e burro (salato) per combattere gli svarioni nel bar più laido del Regno unito.

Disclaimer: "Visto il rapporto massa muscolare/grasso corporeo che intercorre tra la redazione di SoloMacello e thedarksideofettor1 questo potrebbe essere l'utimo post di sempre su SoloMacello. In quel caso, fottetevi tutti."

2 comments:

ettor1 said...

quel vinile faceva cacare e mannaggiammè mi sono freddato i diti per un cazzo di niente. eppoi sta gayna per jarboe arriva... arriva da Londra porco il dio! non me n'ero accorto perché IO MI STAVO DANDO DA FARE PERCHE' SO GENEROSO E MI SBATTO PER VOIALTRI (in parole povere, rollavo :D). e il bar mi sembrava il luogo più appropriato dove incontrare qualcuno. non so, non si stava facendo una birra? allora chiccazzo era quella a cui ho chiesto l'autografo e me l'ha fatto?!

Niccolò said...

La Sacra Corona Metal Unita (http://scmu.altervista.org/) esiste, Sindaco.