Wednesday, December 31, 2008


PER LA MADONNA DI GRAYSKULL!

Affanculo il Natale (festa di sfiga per eccellenza: gravidanze indesiderate, pochi soldi, meno gnocca, esaltazione della verginità e di farsi crescere le corna in testa, dare la colpa agli altri -cfr. Arcangelo Gabriele- ecc. ecc. ecc.) e affanculo il 2009 che tanto sarà merda pressata come l'ano prima.

Quindi cominciamo a far Gayna, ad assumere sostanza psicotrope e a fare le pettinatissime serate MACELLO MAGNOLIA.

Si comincia il 2009 il 7 Gennaio con i NADJA e i Triocton che aprono per loro. Noi pensiamo alla musica e alle tipe, come al solito.

Se non sapete chi siano siete ovviamente MERDA ma se andate qui capirete che ce n'è per tutti i lobi parietali. Dalle 21.30. 5 Eurosacchi + tessera ARCI

Chi non viene gli piacciono i Fall Out Boy. E ricordate che i prossimi sono HELMET (29/1) e WOLVES IN THE THRONE ROOM(11/2).

Friday, December 19, 2008


Caro Dottor Celtic Freud,
le scrivo -riponendo in lei massima fiducia- per sottoporle questo mio problema.
Fino a pochi giorni fa avevo una ragazza con la quale "buttava bene" (cit.): eravamo usciti un paio di volte, avevamo parlato in tranquillità e non mi aveva ancora graffiato in faccia come tutte le altre. Ora le cose non stanno andando come vorrei.
Devo confessare una cosa prima di tutto: lei non è "una di noi". Non ascolta il metal e non le piace. Lo trova rumoroso e indistinguibile, addirittura "cacofonico". A me non sembra proprio, però devo ammettere che siamo di differente estrazione sociale. Io sono laureato in ingegneria informatica mentre lei fa la parrucchiera (non esattamente in realtà, lava solo i capelli). Un'altra differenza è che io sono del Fiero Nord e la sua famiglia invece viene da Joppolo Giancaxio, un paesino alle porte di Agrigento. A lei piace ascoltare musica commerciale e "da discoteca", si veste con dei vestiti colorati e luccicanti che io non capisco, e ha uno strano modo di salutare i suoi amici maschi.
Dottor Celtic Freud, cosa devo fare? Io voglio avere una vita di coppia normale con questa ragazza, ma forse la verità è che siamo troppo diversi.
La prego, mi aiuti.
PowerForce74



Caro PowerForce74,

grazie per la fiducia riposta, spero di esserti d’aiuto. Da profondo conoscitore della psicologia del metal ti posso dire che mi sembra molto improbabile che la tipa pensi veramente che il metal sia rumore, indistinguibilità e cacofonia. Infatti, uno studio epidemiologico del 2002 condotto dalla mia Unità di Ricerca sul Metal mostra che nei pressi di Joppolo Giancaxio (e nell’agrigentino in generale) vi è una percentuale del 97% di ascoltatori di metal e adoratori di Satana (l’altro 3% ascolta solo la colonna sonora del Padrino Parte Prima-Seconda-e-Terza e non adora né Satana né Gesù). Questo mi porta a dire che è molto probabile che la tipa, vestendosi e comportandosi da "ragazza facile" (come dite voi giovani), stia in realtà fingendo per metterti alla prova e capire se sei “quello giusto” prima di presentarti ai suoi genitori e mettere su famiglia con te. Quindi, ti consiglio di resistere anche qualora vedessi che costei si mette a fare del sesso anale con altri tipi nei bagni di qualche discoteca. Ne sarai sicuramente ben ripagato.

Un caro saluto,

Dr. Celtic Freud


TERAPIA: Type O' Negative - Bloody Kisses

Pezzi Consigliati: Christian Woman

Black N° 1 (nel caso la tipa si faccia bombare da un negro)


Friday, December 05, 2008

La faccenda è molto semplice: il mondo, come tutti gli anni, in questo periodo rincoglionisce.
Sono tutti più buoni, nasce il Porchin Gesù, regali, partenti scassa cazzo ecc ecc.
STAVOLTA SoloMacello prova ad adeguarsi alla Democristianità Cosmica che pervade menti e portafogli con una roba assolutamente NON METAL.
Poi se arrossirete anche voi come i Sunn O))) ascoltando $hit and $hine potete sempre dire che è per il vin brule.
Tanto non vi crederà nessuno.

Martedì 9. Il giorno dopo L'immacolata Infibulazione. Sempre e solo al Magnolia

Tuesday, November 25, 2008

YES WE FAT


Messaggio
Qui fan tutti la gara a fare i pettinati minchia faccio il diggèi di qui faccio il diggèi di là: ormai tutti hanno trovato un cesso dove mettere i dischi una volta ogni tanto.
Noi, che siamo i maggiori esperti di metal a livello europeo, abbiamo le nostre serata al Magnolia fantapettinate.
Ma settimana scorsa siamo entrati in studio, dietro la produzione artistica ed esecutiva (così vuole che si dica) del Dr. Alopecia, ci siamo sconvolti di alcol, droga e puttane e nel frattempo abbiamo registrato questo condensato di musica pettinata a opera di bandz che cominciano con la M DI METAL.
Scendetevelo, perchè più copie ne circolano, più Gesù si caca sotto!

Questa la pettinatissima scaletta:
MC5 - Kick out the jams
MERZBOW - Frozen guitars and sunloop / 7E 80
MAYHEM - Pure fucknig armageddon (live in Leizpig)
MONSTER MAGNET - Powertrip
MESSER CHUPS - Sex euro and evils pop
MOGWAI + ROCKY ERICKSON - Devil rides
MISFITS - Mommy can I go out and kill tonight
MOTORPSYCHO - Go to California
MOONSPELL - Alma mater
MORTICIAN - Bloodcraving
MOUR TET - Iron Fan
MACHINE HEAD - Davidian
MOLOKO - Sing It Back (qualche remix del cazzo tanto era una tirata di culo)
MOTORPSYCHO - The Nerve Tattoo
MORBID ANGEL - Where the slime live
MERZBOW - I'm coming to the garden... no sound no memory
MONUS TRACK





Tuesday, November 18, 2008


Inauguriamo oggi la rubrica delle recensioni discografiche di SoloMacello. Visto che alla fine se non carichiamo niente ci scassate la minchia e ci troviamo le tipe sotto la redazione che vogliono salire per farsi stantuffare nel cesso di SoloMacello, vediamo di darvi quello che volete. Da oggi, con cadenza irregolare, recensioni di dischi metal e ultra-metal a cannone. Senza peli sulla lingua, ma contanti paraocchi, preconcetti, pregiudizi, ottusità e nessuna disponibilità a cambiare idea.


La prima vittima sono i Rebel Devil per i quali forse spenderemo più parole del necessario.


Prima di tutto: non è che siamo esterofili, è che di gruppi italiani pettinati ce ne sono veramente pochi. Cioè quasi nessuno a dire il vero. Bah i Forgotten Tomb dài. Il resto fa cacare. I Rebel Devil sono un’accolita di appezzi avanzati da altri gruppi. Gielle degli Extrema, Cris Dalla Pellegrina che negli Extrema ci suonava quando eran pettinati, un tale Paolucci dei Raw Power e un altro che non mi ricordo dei Cappanera. Suonano hard rock, o heavy rock, un po’ metal e un po’ punk, e je piacerebbe tanto che dicessimo anche un po’ di blues. Il problema non è il disco, che non fa cacare così tanto, ma anzi alla fine non è manco male.

E’ che vedere quattro uomini che c’hanno almeno quarant’anni per uno e non san più che cazzo fare ricorrere allo stratagemma di dire a tutti che hanno firmato con un’etichetta straniera (che in realtà è italianissima ma c’avrà convenienza fiscale a tenere i conti in UK), mandare i comunicati stampa e addirittura comprare pubblicità IN INGLESE (la data a “Florence” è da sbragarsi dal ridere) sui giornali italiani… beh minchia SoloMacello lo ritiene patetico, alla frutta e una cosa veramente appezzi. Invecchiate comodi e non cercate di darvi un tono, chè non ci babbate.
E un'ultima cosa: se mettete il numero dell'ufficio dell'etichetta con +39 davanti ci arriva anche quella vecchia rimbambita di mia nonna. Che tra l'altro è morta.

Segue prova fotografica:

Monday, November 10, 2008

NON AVRAI ALTRO METAL ALL' INFUORI DI ME

Se la settimana scorsa abbiamo cominciato a scaldarci la punta dello scroto contro i vostri imeni, questo giovedì si comincia a fare sul serio con un concerto di una pettineria del dioboia

last but not least
ai primi 5 appezzi che arrivano in regalo maglietta + gadget relapse

Giovedì 13. Sempre e solo al Magnolia

Monday, October 20, 2008

PEZZI DI MERDA!!!!!!!!!

LADRI FOTTUTI MALEDETTI!!!!!!!

Ci siamo sempre battuti per l'Indipendenza del Mètal. E' vero che i più grandi gruppi che ne hanno fatto la storia erano di area major/multinazionale, ma è anche vero che, nella stessa storia, quegli yuppie assetati di soldi ci hanno fatto molte volte la posta, cercando di sfruttare la fedeltà incrollabile (aka ottusità irreversibile) del pubblico metal.

Però che adesso arrivi la SONY BMG e si appropri di una NOSTRA IDEA onestamente ci fa incazzare.

Leggete qui e guardate la foto:












E poi guardate queste foto qui sotto e le relative date:

18 Ottobre 1989





















4 Marzo 1991

















13 Aprile 0001

























29 Febbraio 2004















La pagherete.

Friday, October 17, 2008

Oggi è Venerdì 17. Giorno di sfiga. Noi metallari ci conviviamo da decenni quindi non ce ne frega un cazzo.

Oggi è Venerdì 17. Giorno di lutto. Leggete qui.

Oggi è Venerdì 17. Giorno di scoop.

Abbiamo scoperto perchè Gus Chambers si è ammazzato.
La foto sotto è la prova lampante: ha sorpreso un magrissimo rappresentante dell'indie rock vestire una felpa del proprio gruppo e non ha retto la vergogna.


















Riposa in pace, Gus.

Tuesday, October 14, 2008

"Hanno preso a chiamarmi highlander... Highlander un cazzo! Il fatto è questo: ho un buco di culo che se lo metto fuori dalla finestra le aquile ci fanno il nido" cit.

Non è un segreto che l'atteggiamento di SoloMacello sia particolarmente iconoclasta. D'altronde il metal t'insegna 1) a tirare di culo la gente, 2) a diffidare del pensiero della massa e 3) a ruttare fortissimo.

Nell'ultimo paio d'anni il quoziente intellettivo della Massa Metal si è, incredibilmente, abbassato ulteriormente.
"IMPOSSIBILE!" direte voi, specie se siete della razza di quelli che vengono su SoloMacello come se stessero andando allo zoo a vedere le scimmie. E invece è andata proprio così. Su quella scorreggia di Vostro Signore Gesù Kristo che è Fratello Metallo abbiamo già dato, e in molti ci hanno fortunatamente dato ragione, ma lì si trattava di un"esterno" che veniva a pisciare sul cancello del metal. Ora dobbiamo farci un esame di coscienza e renderci conto, senza paura, che anche nel cosiddetto "interno" ci sono dei personaggi talmente a pezzi che tirano a fondo tutta la categoria.

Recentemente infatti un primate si è distinto dalla massa come sorta di Alpha Male colpito da paralisi del lobo frontale. Una figura che proviene dal passato del metal, e che su quel passato ha costruito questo suo sgradevole, inaudito, inutile ritorno. Si chiama PINO SCOTTO, e se tanto mi dà tanto il 90% di voi s'è fatto almeno una risata alle sue spalle.

Pino Scotto è quello che ancora ci scuce la fodera del cazzo con 'sta minchia di Vanadium, che saranno anche un gruppo storico, ma sono invecchiati di merda e infatti se non ci fosse Pino Scotto a sbraitare ogni due per tre "Io ero nei Vanadium prima che voi nascevate porcoddìo!" nessuno si ricorderebbe di loro. O meglio: qualcuno se li ricorderà eccome, ma se ci dite un segno indelebile che han lasciato vi paghiamo da bere.

Pino Scotto, furbamente, ha capitalizzato su una regola aurea del metal, ovvero che "VECCHIO E' BUONO".

Nel metal la regola che dice che il gruppo "era meglio prima" è inattaccabile, e così Pino Scotto si è convinto di avere una rilevanza attuale sulla base di un passato giurassico. Io non so se gliel'abbia suggerito qualcuno, o se tutta la brillantezza dell'idea sia frutto della sua mente, ma le cose stanno diversamente.

Un conto è ridere con una persona, un conto è ridere di una persona. Un conto è Lemmy, un conto è Ozzy.

E quindi via così, il Pino Metal nazionale. Si guadagna da campare facendo la macchietta e sparandola più grossa che può contro la Pausini su Rock TV - e grazie al cazzo. Anche qui su SoloMacello è facile sparare a zero su Gesù Cristo (e infatti lo facciamo).

E poi paga lo stipendio anche fare il razzista demagogico davanti a qualche decina di gorilla con la maglietta degli Stratovarius che non s'è mai fatto reggere l'uccello in mano da una tipa. L'esempio più a pezzi l'abbiamo visto coi nostri occhi e ve lo raccontiamo.

Serata di ROCK TV. Pino, bontà sua, sta facendo un pezzo con REZOPHONIC, un gruppo dichiaratamente a favore dei Negri, che i Negri vuole farli bere, imparare a scrivere e leggere, emanciparsi. E Pinuccio nostro cosa fa? Dice che Azouz, quello della strage di Erba, quello che gli hanno pugnalato moglie e figlio e poi han dato fuoco ai cadaveri, deve tornare al suo paese (e con lui tutti i criminali come lui) perchè l'han beccato con un po' d'erba. Tutto questo, ripetiamo, all'interno della performance di un gruppo pro-Negri. Che poi, Pinù, te la sarai pure comprata l'erba o la coca da un negro una volta, no? Quello non era un criminale? Ah no scusa, erra probabilmente un "fratello che aveva incrociato la tua road to freedom".

E allora, Pino, le cose sono due: o ti sei bevuto il cervello, o hai consciamente deciso che farsi pagare per fare il nonnetto metal intransigente e senza peli sullla lingua sia la giusta conclusione della tua carriera. Scelta tua, ma noi la riteniamo una mossa a pezzi.

E tu, metallaro che segui Pino Scotto e lo ritieni "un grande" solo perchè c'ha una certa età, faresti meglio a capire che sei a pezzi quanto lui e la sua filosofia da operaio del metal: il passato è passato, e una dignitosa pensione è meglio di un presente imbarazzante.

Quel presente imbarazzante è questo:

Un libro-marchetta scritto dall'amichetto di Pino Norman Zoia. Una sbrodolata metal-mielosa che cerca di cucire il vestito del mito addosso allo Scotto Da Pagare, riuscendo solo a inciampare in una sintassi involuta, una grammatica drammatica e una produzione di senso lasciata al caso.
Qualche esempio di passagigo tratto dal libro? Ha'voglia!

"Pino Scotto ha sempre utilizzato un linguaggio accessibile, con particolare attenzione allo slang giovanile, all'avanguardia dei suoni."
Si commenta da sè.

"Rocker di razza, straripante acusticamente parlando, (...) che non si è mai lasciato crogiolare in un pur ricco passato (quasi tutti i musicisti duri che contano, hanno suonato con Scotto)."
A parte che - che cazzo vuol dire? Ma i Wolves In The Throne Room han suonato con Pino Scotto? i Neurosis? Gli Slayer? I Converge? I Melvins? Gli Shining? I Darkthrone? Gli Immortal? Emperor? Almeno i Mayhem???

"Uno che, per intenderci, si lascia dietro la scuola degli Stones per affiancarsi a un Robert Plant o a Geoff Tate e ANDARE OLTRE" (maiuscolo dell'autore).
Pagina quindici e siamo già al delirio d'onnipotenza.

"Forse manca un'adeguata descrizione del lato sex-simbolista di Scotto, cioè del fascino animalesco che riesce a emanare in scena."
Megli oche manchi, caro amico cripto-omosessual-Zoia

"Rock-pensiero sull'ali lordate."
"Chitarre col Jack-Leg"
"Phisique du rock'n'role"
Bel gioco di parole.

Altre perle di delirio d'onnimpotenza al Monster Of Rock di non sappiamo manco più quanti anni fa:
"Comincia con Rock'n'Roll, un inno, una prefazione stilistica ai livelli di Satisfaction o di Simphaty (sic) For The Devil."

"Trash": sempre scritto così, senza H. Che sull'Avvenire mi va anche bene, ma qui mi pare una gran troiata.

"Il susseguirsi delle formazioni straniere contribuisce a far innalzare, ove fosse possibile, il picchio dei decibel."
Proprio così. Picchio. Fantastico.

"Fa un caldo soffocante infatti e non restano abbastanza energie, neanche per il consueto grappolo di groupies ipereccitate che si aggirano tra gli addetti ai lavori."

"In chiusura: una rielaborazione del celebre motivo degli AC/DC WOLLA LOTTA ROSIE, un brano rappresentativo nelle umane-disumane vicende del rock"
A) Si scrive WHOLE e non WOLLA
B) Non facciamola più lunga di quel che è: il pezzo (e non il "motivo") parla di scoparsi ciccione. Punto.

Zoia riesce poi addirittura a sbagliare, nel testo, il nome dell'editore, tradendo contemporaneamente esso e la lingua inglese: "Non essendo stato possibile, per questioni interne alla Nuova Fucina-Fuzzboock's..." "Libro" in inglese si dice "book", Norman.

Chiudiamo con una manciata di citazioni prese direttamente dal libro: onestamente non sapremmo commentare perchè sono talmente over-the-top che qualsiasi battuta possa venire in mente a chiunque l'originale sarà comunque più a pezzi:

"Nel frattempo, dopo una vita a spaccarsi il culo in fabbrica, suonando di notte e alzandosi lo stesso all'alba, Pino può andare in pensione. Da quel preciso istante il rock gli poterà via ogni singolo minuto. Il rock e tutti i suoi derivati, dal sesso alle droghe agli eccessi alla condizione politica (?!? ndA) di un moderno metalium-singer sempre e comunque contro, sempre disponibile però a pagare di persona, mandando letteralmente a fanculo (ma non solo) tutti quei figli di puttana che, fingendo di stare dalla parte della gioventù l'hanno invece sempre fregata proponendo tutto quel multinazionale schifo edulcorato-programmato-standardizzato-massificato-livellato al basso... e quello sì veramente osceno, altro che un pugno di decibel distorti, una strisciata nella polvere o taluni possenti sodomie in corpo di 11 groupies! (Ci siamo permessi di citare Busi, ma in chiave squisitamente etero)."

"C'è poi da sottolineare che, malgrado gli stravizi, Pino Scotto non invecchia mica".

"Cavaliere dell'epica contemporanea, un filo gotico e un filo extraterrestre, ovviamente defilato rispetto al pop-rock patinato e insulso, per lui l'importante è continuare allo spasimo a cantare, a suonare e poi certo si bevem si fuma, si pippa, si tromba e si mandano i bastardi a far ciò che sanno e cioè marchette. Nonni insonni, notti folli. Promozioni centellinate, da Radio Italia alle piccole emittenti private agli studi Sempioneschi di Quelli Che Il Calcio... a quelli di La7, tra compagni, boncompagni e benincasa. Nottate incomparabili. La si faceva girare al meglio, compreso del sesso sfrontato nei bagni della Rai, magari con una nota signora di spettacolo, Oppure standosene beato con la donna di uno dei Warrant mentre loro stavano suonando..."

"Moderno Don Chisciotte da sempre impegnato a stravolgersi o a smaltire gli eccessi, a non deragliare dal tragitto figa-droga-trasgressione o a spendersi con tutte le sue risorse in invocazioni ai giovani, per spronarli a uscire dalle dipendenze."

In definitiva: Pino, CACATI ADDOSSO

Wednesday, October 08, 2008


QUANDO CI VUOLE, CI VUOLE

(era una canzone dei Ratos De Porao, ora diventa una cover dei Tirata De Culo).


Non me ne voglia il lettore medio di SM se anche questa volta batto il chiodo sullo stesso argomento: i Metallica. Non voglio risultare ripetitivo e ottuso no no no, ma certe cose proprio non le digerisco. Sentite qui: una bella domenica mattina mi sveglio fra le montagne del Nord Italia, faccio colazione con un paio di pandori imbottiti di crema e duplo, accendo il pc per vedere se i Metallica hanno compiuto l’ennesimo miracolo e invece cosa leggo. INVECE COSA LEGGOOOO??? (scende un maiale dal cielo e ha le sembianze di gesù, che novità!).

Ecco quello che leggo, eccolo (Cerati, deponiamo l’ascia di guerra su Death Magnetic che gli hai dato SOLAMENTE 6 e sta a sentire, solo così possiamo tornare buoni amici come un tempo):

“Martedì, 16 Settembre 2008

Metallica

Non mi sono mai piaciuti i Metallica. Ma anche loro qualche cosa più accettabile nella loro lunga carriera l’hanno fatta. Incredibile, però, è la straordinaria bruttezza dell’interminabile pezzo “The day that neve comes” dal loro ultimo album, “Death Magnetic”. C’è tutto quello che non ci dovrebbe essere in un pezzo di buona musica, non ha ne capo ne coda, è lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile. Solo il video consente a chi ascolta di arrivare fino alla fine, a quei tredici secondi dopo gli otto minuti che portano al finale, una liberazione, davvero.”

Il Sindaco è già sulla cima della Montagna della Polemica a lanciare Madonne e Cristi in testa ai fottuti comuni mortali.

COLUI CHE SCRIVE E’ ERNESTO ASSANTE, IL GIORNALISTA MUSICALE ITALIANO PER ANTONOMIASIA, AMICO DI GINO CASTALDO. TUTTI E DUE SCRIVONO SU LA REPUBBLICA.

Ecco il link del post:

http://assante.blogautore.repubblica.it/2008/09/16/metallica/


Ecco il link del suo (di Assante) imbarazzante blog:

http://assante.blogautore.repubblica.it/?ref=hpblog

Ora, la cosa migliore è riprendere ogni singola frase del SUO post sui METALLICA e analizzare perché ci sono un paio di cose che non mi quadrano e vorrei se possibile una risposta dal diretto interessato qualora lui non stesse praticando l’onanismo ascoltando l’ennesima volta il disco degli Abba.

“Martedì, 16 Settembre 2008”

Iniziamo male zio, perché il disco è uscito il 12 settembre in tutti i negozi del mondo (si dice “worldwide”, è vero, scusa se a volte esagero). La notizia è arrivata in tutte le salse ed è stata comunicata in qualsiasi parte del buco del culo di questo mondo di merda. Ci hanno fatto anche un sito www.missionmetallica.com. E tu che cazzo fai? Ti svegli 4 giorni dopo parlando solo del singolo? Mi fai ridere e vomitare allo stesso momento. Ma andiamo oltre e tu intanto cacati addosso.

“Metallica”

L’idea che le tue dita avessero potuto digitare la parola METALLICA sulla tastiera del tuo pc dal quale escono una valanga di cazzate ogni minuto mi rabbrividisce, lo sai? Ma, prima di tutto: hai chiesto il permesso al management per scrivere il nome di una band che non conosci nemmeno? Io per esempio ABBA non l’ho mai scritto. E tu cacati addosso.

“Non mi sono mai piaciuti i Metallica.”

Iniziare un post con una frase del genere vuol dire solo due cose:


- che se sei un giornalista allora vai a fare altro, perché da che mondo è mondo un giornalista non deve MAI far trapelare pareri personali. In questo modo influenzi l’opinione di quei 4 sdentati idioti che ti stanno a sentire e/o leggere. E non venirmi a dire che “invece sono su un blog e scrivo quello che mi pare per essere più vicino ai lettori” perché tanto sei pagato e io delle tue opinioni me ne strabatto il belìno.

- Qualcuno per caso ti ha mai chiesto un parere sui Metallica? Uno dei tuoi 4 sdentati e idioti lettori ti ha per caso mai mandato una mail in cui ti chiede in ginocchio “Ernesto ti prego dicci la tua sui 4 Horsemen”? Contentino mal riuscito alla casa discografica? Anche no? Anche sì? In ogni caso, cacati addosso.

Ma anche loro qualche cosa più accettabile nella loro lunga carriera l’hanno fatta.”

A parte la sintassi penosa e riluttante (come mi fa notare GIUSTAMENTE una tipa su msn), questo tono superficiale e distaccato mi fa capire che parli a cazzo e che non hai mai ascoltato un disco dei Metallica. E siccome devi dare un parere (qualcuno ti ha pagato per farlo), allora diventi superiore. E quando dici “anche loro” cadi nel patetico e nel mediocre (più di quanto già lo sei): “anche loro” cosa vuole dire? Che li butti nel calderone e non sei ancora capace di valutare e dare un valore artistico a un gruppo perché oramai ti sei fottuto il cervello coi Deep Purple, gli (ancora, ma se ti dà in testa la smetto) Abba e Antonius Rex? I Metallica sono la storia del rock, zio, al pari dei Rolling Stone e Madonna. RICONOSCENZA. Questo non dimenticarlo mai perché sennò ci fai la figura del babbo di minchia. Anzi, l’hai già fatta. Quindi cacati addosso.

“Incredibile, però, è la straordinaria bruttezza dell’interminabile pezzo ‘The day that neve comes’ dal loro ultimo album, ‘Death Magnetic’”

Questo tono ironico non fa ridere, non fa ridere nemmeno accostare due aggettivi opposti come “straordinaria” e “bruttezza” perché il corso di giornalismo l’abbiamo fatto tutti almeno una volta nella vita e il gioco è bello finché -e soprattutto perché- dura poco. Non sapevi per caso come giudicare un singolo di un disco che nella migliore delle ipotesi non hai mai sentito tutto per intero perché dovevi scappare dall’ufficio alle 15 o perché invece dovevi menarcela con l’ennesima sentenza di filesharing e P2P di cui francamente me ne strainculo? E poi, Ernesto, te la devo proprio dire tutta, eh: il titolo del pezzo è “The Day That NeveR Comes”, hai dimenticato una “R”. Cosa sei superficiale, cosa non hai nemmeno riletto il post prima di pubblicarlo. E nemmeno i titoli sai riscrivere porchecccioddio porcheccio? E cacati addosso.

“C’è tutto quello che non ci dovrebbe essere in un pezzo di buona musica, non ha ne capo ne coda, è lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile.”

A ridaje! Ancora il giochetto dell’accostamento di situazioni opposte “tutto quello che non ci dovrebbe essere”? Madonna che palle, oh. Passo avanti e ti chiedo: mi fai sapere per favore quello che invece dovrebbe esserci in un pezzo di buona musica? Sei così sicuro di sapere cosa vuol dire “buona musica”? Il Capo è in Irlanda (oh, capo figa dove sei?!??!) e la Coda del suo gatto Lemmy non provare nemmeno a nominarla. “Lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile”. Orcodio che polemica dall’iperspazio dell’idiozia. Il tuo è un modo di scrivere arrogante, indecifrabile e puzza di stantio e statalista della Prima Repubblica, caro mio professorino del cazzo. E poi l’aggettivo “inenarrabile” forse è un po’ troppo esagerato, zio, non credi? Credi che i Metallica siano così scemi da pubblicare un singolo uguale a tutto il resto del disco? SoloMacello ha scritto due recensioni di “Death Magnetic” mica per il cazzo, voglio dire, anzi le abbiamo scritte per la figa dato che ora siamo tutti sotto e stecchiamo di bestia perché i 2/3 della nostra redazione non ha una tipa. E quindi tu cacati addosso.

“Solo il video consente a chi ascolta di arrivare fino alla fine, a quei tredici secondi dopo gli otto minuti che portano al finale, una liberazione, davvero.”

Sul video posso anche darti ragione: pure io mi sono annoiato a guardarlo. Però se avessi TU avuto un briciolo di spessore professionale e conoscenza sui METALLICAMETALLICACHEBELLOST.ANGERMETALLICADEATHMAGNETICPETTINATO avresti potuto paragonarlo, che ne so, a “One”. Ma non conosci nemmeno “…And Justice For All” quindi chettelodicoaffà. Perché non hai paragonato “The Day That NEVE Comes” a un pastone fra “Fade To Black”, “Orion” e “Master Of Puppets”? Ci avresti fatto una figura migliore, te lo dico da padre a figlio. La liberazione di cui parli, al massimo, la proverò io quando Satana mi dirà che ti hanno FINALMENTE licenziato dal quotidiano per il quale blateri, spesso e inutilmente. Indi per cui, ancora una volta, cacati addosso.

Comunque, per la cronaca “Death Magnetic” è ad oggi uno dei dischi più venduti in tutto il mondo, è salito al primo posto in Italia, Argentina, Repubblica Ceca, Belgio, Canada, Finlandia, Francia, Danimarca, Germania, Olanda, Norvegia, Polonia, Svezia, Inghilterra e USA.

I METALLICA DI “DEATH MAGNETIC” VENDONO AL MOMENTO PIU’ DI JUSTIN TIMBERLAKE, DUFFY E QUELLA SUCCHIA CAZZI DI GIUSY FERRERI MESSI INSIEME, CHIARO?



Il Vostro Sindaco




Friday, October 03, 2008

Messaggio

Lungi da noi parlarci addosso. Non siamo i tipi che si autocelebrano, perchè siamo di gran lunga molto più pettinati di voi che leggete e di tutti quelli che scrivono, sui blog, sulle riviste e persino i libri. Abbiamo raggiunto un traguardo importante, ovvero i 5.000.000 coglioni venuti in visita su SoloMacello, siamo in partenza con le nuove, ingayna(n)tissime serate di Macello Magnolia, siamo più pieni di topa che mai, gli esami del sangue come sempre sono LIMPIDI e stanno anche cominciando a ricrescerci i capelli. Mai stati meglio, in altre parole.
La nostra leadership sul metal si consolida ogni giorno di più, e abbiamo in arrivo due polemiche (una documentatissima contro Pino Scotto, nientemeno, roba che ci denunciano a 'sto giro, altro che la Gab-ani-elli e Repork) che scalderanno il vostro inverno di segaioli.
Ma non avremmo mai, mai, mai (come 6, 6, 6) potuto raggiungere questi ambitissimi obiettivi senza l'aiuto dei nostri non-nemici. E come consuetudine, celebriamo un altro straordinario traguardo dividendo la gloria, la fama, le puttane, la droga e i miglioni di euro con chi ci è stato vicino, volente o nolente, in questi mesi/anni/millenni:

la Gayna©, Macello Magnolia, Nick Holmes che mi ha detto che è tutta discesa, La Mia Seconda Tipa, la cyclette del Sindaco che sopporta il peso del giornalismo musicale di qualità, Il muratore di Scandicci che deve farsi ottanta kilometri al giorno per andare a costruire la casa del Sindaco, il Capitano solo quando costruirà la Torre del Doom, Scott Burns per aver prodotto in Florida tutti quei dischi death metal pettinati, il Roadburn 'gayna dell'anno' (cit.), Il Roadburn dell'anno prossimo, i bolas e sopratutto i bolas che ci faremo al Roadburn (anche se non si potrà più zagare tabacco dentro ci faremo i purini), Claudia ex-Rock FM, le tettone di Claudia ex-Rock FM, Pamela per i conati d'entusiasmo, tutti i divani su cui sto dormendo e i loro proprietari, Lee Dorrian per "quella mitica foto" al Rainbow tanti tanti anni fa, Toppi, Stefano Cerati per l'amicizia, Fratello Metallo per tutte le visite che ci ha fatto guadagnare, il Grizzly che sta in cima alla catena alimentare da qui a Saturno, le zaghe perché è sempre bello zagare e contento te se non ti va più di zagare tanto ti fai un culo di bolas, Tutte le tipe future, la mamma del Diggei che ci ha ospitato quando siamo andati a vedere i Neurosis a Senigallia e la sorella del Diggei che una botta gliel’avremmo data tutti e soprattutto la tipa del Diggei per lo stesso motivo, La Tipa Del Diggèi 2.0, il Capo ovunque sia, i capelli del Capo (rip), Tutti i negri aiutati dal Messiè, vicini e lontani, l’accelleratore a Ginevra quando distruggerà il mondo, Il superbòlas che ci staremo facendo quando l'accelleratore farà scomparire il mondo, tutto il lampredotto che mangeremo da qui alla fine del mondo, Il lampredotto di Nerbone al mercato in San Lorenzo, L'Ex-tipa del Sindaco, i Wolves in the Throne Room che saranno dei pastori del cazzo ma sono il gruppo del millennio, Dan Lilker che passerà la vita a fumare hashish dalla lattine di birra vuote ma rimane una leggenda, Tigno che da quando ha smesso di bere ed è diventato un incrocio tra Steve Jobs e Hans l’uomo talpa, Tutti i nostri cicisbei, quel pelatone del Cobra che ci fa fare una Gayna© del dioboia e tutto il Magnolia, MySpace perchè ci permette di entrare in contatto con un sacco di fighe che si fanno aggiungere alla nostra pagina, Il Gods Of Metal 2009 che noi sappiamo già che reunion pettinata c'è e voi no, I Living Colour che erano una volta un gruppo pettinati ma ora fan cacà, il biondino e il ciccione protagonisti de l’Alba dei morti dementi, gli zombie, Mourinho, Alice Cooper per quella volta che è venuto a far Gayna a Caspano con noi, i fan che ci supplicano per un autografo, Le fan che lo ottengono e non solo quello, la mensola piena di dischi Metal che stava per aprire la testaccia di un membro della redazione di SoloMacello, La discografia postuma dei Liquido Di Morte, le groupies dei Liquido di Morte, La biografia non autorizzata dei Liquido Di Morte, le magliette dei gruppi metal senza le quali andremmo in giro nudi, la maglietta dei Wolves in The Throne Room comprata al Roadburn, Tutti i carlini del mondo, Death Magnetic per averci regolarizzato l'intestino, Over come Overkill e la sua nuova vita che chissà dove cazzo sta ma almeno non lo vedo più tutti i giorni, mogli e buoi dei paesi tuoi, Francesca Neri, Harry Belafonte perchè anche se beige in realtà è un gran pettinato, la Norvegia, Oystein e il suo socio di Mephisto che suona nei Geenna, i Gehenna, gli Hecate Enthroned per averci insegnato la differenza fra un gruppo black pettinato e uno no, Alan Moore che cita gli Hecate Enthroned in un suo fumetto che parla di barbise, le cicale, le musse, Gianni e l'Albero Fiorito, il refosco, il formaggio fritto, La lingua bollita con salsa verde, le sard in saor, le polpette in umido, la salsiccia in umido, le uova strapazzate sia con le erbette, che con la cipolla, che con l'ortica, Maurizio Lauzi e il suo 'amico', Antor il fan n°1 di SoloMacello, Il tipo con la cotta di Lana, Lara 2.0 che sappiamo che l'abbiam già messa ma almeno ti pigli male, fottuto indiettero, la limousine che ci porta al Magnolia, La tipa di Accentosvedese (sappiamo tutto, ndSM), il turismo sessuale, il rum che dobbiamo andare a bere a casa del Ciccio, la reunion dei Biohazard ma anche no, La gita a Caspano al posto della reunion dei Biohazard, il Nonno che ha detto ‘mi sa che stavolta potrei venire a Caspano’, il Lucone che per farlo venire a Caspano bisognerà pregarlo in 3 lingue diverse come al solito, chi non prega, chi non prega il Lucone, La Pula che quest'anno ce la facciamo a cannone, le sboccate che faremo alla Pula, il Gyuntyny che si ammala dopo esserci stato dietro per un week end, La Cyolyny che farebbe molto meglio a mettersi con noi, i geni recessivi, l'albinismo, le gobbe, Il Nord Italia e il suo letame, il migliore del mondo, il Federalismo Vaginale, Le tettone, il Braulio, il tipo del marketing del Braulio che non ci risponde, la Southern Lord, la fantaGayna Metal che stiamo preparando, la riga del culo che esce dai pantaloni, YouPorn che ci aiuterà a passare l'inverno, Il Lungo Inverno Metal, Satyr che anche se dice 'Pettinata Cefalù' va bene lo stesso, L'avvocato Alfio dal quale invece non possiamo purtroppo aspettarci che dica "Pettinato Satyr" ma va bene lo stesso, le Pettinerie come valore assoluto, Il Coefficiente di Pettineria che abbiamo calcolato per le serate Macello Magnolia, le tipe che ci hanno promesso di venire alle serate di Macello Magnolia che se non vengono è la volta che m'incazzo, Carlotta che sul suo profilo di MySpace dice che le piacciono i Kyuss e dalla foto ha due tettone giganti ma ha il profilo privato e finchè non ci aggiunge non possiamo confermare per favore Carlotta se leggi queste righe acconsenti, i ringraziamenti che doveva fare il Sindaco ma è il solito parassita fancazzista quindi s'incula, http://www.allevaunmaiale.it/, l'EX-tipa del Sindaco che s'è levata di torno, TUTTE le ex-tipe del Sindaco (UNA, ndSM) che incontriamo in giro a Milano, il Cianfry e la sua verve, il Presidente Sugo e il suo carico ormonale, Vitrisio e il suo carico di entusiasmo Metal, Tony Il Negro, quel testa di cazzo del Piace che il giorno che morirà inculato da Tony il Negro sarà un giorno pettinato, il Toro, il Toro Meccanico di Johnny, Paul Di'Anno, Le Luride, e l'hambuger completo, Detroit Rock City e, come sempre, il METAL.


Tuesday, September 23, 2008

CASUS BELLI



Messaggio
Il metal su due cose fondamentali: la fratellanza e i preconcetti.

La prima è facile da spiegare. Un'infanzia comune passata in solitudine a spazzare frigoriferi scassandosi di dolci come se la vita fosse un'Unica Interminabile Merenda. Un sottofondo musicale sempre identico a se stesso, che ti fa sentire più aggressivo e contro il sistema dietario di valori calorici imposto da quella gran vacca di tua madre. Il fatto che la pubertà, invece dell'inizio di una seria sconfinata di possibilità, sia in realtà una mitragliata di fallimenti.
Da lì a fare comunella è un attimo. Uniti nella sconfitta ci sentiremo meno ripugnanti: e la scopata di uno è l'orgoglio di tutti.
I preconcetti sono anche più facili da spiegare. Il primo disco è sempre meglio, la vecchia scuola ha sempre ragione, i cambi di formazione sono un errore, fino a che non vendono un cazzo sono pettinati e poi fanno direttamente cacare. Sono gli anticorpi del metal, fatevene una ragione.
L'uscita di un nuovo disco dei Metallica è ovviamente un evento da non prendere sottogamba: se non altro per il fatto che malgrado non becchino un disco da DICIASSETTE anni ancora siam qui come dei babbi di minchia ad aspettare quest'altro nuovo.
Ma Death Magnetic non è solo uno dei dischi più chiacchierati (e venduti, cari i miei indierockers da 70 copie) dell'anno. E' anche la bomba che ha minato le fondamenta di SoloMacello. Una straordinaria doppia recensione, mentre in redazione volano i tagliacarte.



METALLICA - Death Magnetic

Sono tornati: tonici, incazzati (ma stilosi, vanno a fare shopping in via Montenapoleone un giorno prima del concerto di Bologna) e con un disco che solo chi apprezza il M-E-T-A-L potrà capire a pieno. Rick Rubin, il “santone delle produzioni” (cit.) ha tirato un paio di volte il culo a Lars e gli ha detto “zio, inizia a suonare come quel porcodiddio comanda, parla di meno e stai seduto che io sto in panciolle sul divano di casa”. Poi, Hetfield ora beve solo acqua (Perrier) e Gatorade (2 lemon, 2 orange), gli alcolici sono solo un brutto ricordo. Hammett pensa solo alle fighe e al surf, mentre Trujillo se la spassa a Santa Monica coi fanta brodaz dei Suicidial Tendencies. Insomma I METALLICAMETALLICAMETALLICA sono una band in forma, con un disco altrettanto in forma. Non mi interessa sentir dire dagli amici in un pub di milano che “i Metallica hanno fatto copia/incolla dei dischi degli anni 80 per uscire dal tunnel in cui erano caduti qualche anno fa”. Death Magnetic vi spaccherà il culo d’ora in avanti. Era da molti anni che non sentivamo una band così compatta, così incazzata verso il prossimo, ancora capace dopo vent’anni di scrivere un riff spaccaossa e grintoso come quello di “This Was Just Your Life” fra Master Of Puppets e il Black Album. Vogliamo parlare del suono? Anche no, ascoltatelo e vi renderete conto. Vi renderete conto che una canzone come il singolo “The Day That Never Comes” pur riprendendo un po’ “One”, un po’ “Fade To Black” e a tratti “Orion” entra dentro manco fosse un cazzo di gomma e la successiva “Alll Nightmare Long” è stata votata dal sottoscritto come LA MIGLIOR CANZONE DELL’ALBUM DEI METALLICAMETALLICAMETALLICAMETALLICAMETALLICA. Ha il groove giusto, è sufficientemente stronza e la puoi cantante anche con 8 kinder cereali in bocca (l’ho provato, un giorno faccio un video e lo metto su youtubewithmetallica.com). Vi ho già detto troppo, brutti stronzi, mi sono già espresso e finalmente ho fra le mani quello che voglio, nel formato DEATH COFFIN BOX che ho sempre sognato da quando è stato annunciato. Volete sapere cosa c’è dentro? Inculatevi e compratelo, tanto io l’ho pagato meno di voi e ce l’ho già. E ora posso ricominciare ad ingrassare magnetic. Volevo dire mangiando.


voto del Sindaco: 20/10





METALLICA - Death Magnetic

Il Dott Rubin Von Bobrockeinstein, produttore discografico statunitense, si reca in Transilvania per reclamare la sua eredità: il Castello di suo nonno, scienziato e luminare.

Qui presto scopre un libro scritto dal nonno intitolato "Come li feci".

Con l'aiuto del suo assistente Igor, il gobbo, mette insieme un gruppo per poter produrre un disco che venderà fantamiliardi di copie e tenta di riportarla in vita all'interno del laboratorio del nonno.

Igor, mandato dal dottore a rubare i cervelli dei componenti di una storica e pettinata band fondamentale per la Storia del Metal, per errore prende quelli sbagliati e così la band, dotata dei cervelli anormali di un butterato con i tatuaggi più brutti del pianeta, un nano nazista stempiato, un ermafrodita e un gorilla messicano, registra un disco, Death Magnetic.

L'hybris strabordante del diabolico dottore spinge la band a tornare alle sonorità di un tempo, cercando di ripercorrere la strada dell'illustre avo e vivere di gloria riflessa.

La creatura scappa dal laboratorio e comincia ad infestare il mondo.

10 tracce della durata media di 36 ore cadauno fanno cadere lo speranzoso fan in una specie di trance metanfetamica che al ritorno dei normali livelli di decibel fa esclamare 'che fanta back to the roots del porcoddio'. Due palle.

Riff presi a cazzo da '... And Justice For All' e 'Master of Puppets' fanno urlare al miracolo i rimastoni a cui sono rimasti solo i Trivium come ragione di vita, la batteria del nano nazista che copre qualsiasi cosa e il basso del gorilla messicano che non si sente perchè tanto è negro quindi superfluo.

Le ballatone strappa mutande e il piano di Unforgiven III (porcodio il piano... se non stai registrando un disco degli Emperor ficcatelo nel culo il piano) sono forse il punto più basso nella gloriosa Storia del Metal dalla caduta dei capelli di Devin Townsend (anche i pelati fanno dischi pettinati).

In sostanza, noi non ci facciamo babbare dai riff di nessuno, avete fatto un disco di merda e non basta tornare al vecchio logo per tornare ad essere degli spessi.

E quando arriverete a suonare a Milano come foste l'Ottava Meraviglia del Mondo noi verremo a vedervi perchè tanto non paghiamo ma niente potrà sottrarvi al ludibrio di SoloMacello.


voto: tiro lo sciacquone e t’ho già dimenticato