Wednesday, October 08, 2008


QUANDO CI VUOLE, CI VUOLE

(era una canzone dei Ratos De Porao, ora diventa una cover dei Tirata De Culo).


Non me ne voglia il lettore medio di SM se anche questa volta batto il chiodo sullo stesso argomento: i Metallica. Non voglio risultare ripetitivo e ottuso no no no, ma certe cose proprio non le digerisco. Sentite qui: una bella domenica mattina mi sveglio fra le montagne del Nord Italia, faccio colazione con un paio di pandori imbottiti di crema e duplo, accendo il pc per vedere se i Metallica hanno compiuto l’ennesimo miracolo e invece cosa leggo. INVECE COSA LEGGOOOO??? (scende un maiale dal cielo e ha le sembianze di gesù, che novità!).

Ecco quello che leggo, eccolo (Cerati, deponiamo l’ascia di guerra su Death Magnetic che gli hai dato SOLAMENTE 6 e sta a sentire, solo così possiamo tornare buoni amici come un tempo):

“Martedì, 16 Settembre 2008

Metallica

Non mi sono mai piaciuti i Metallica. Ma anche loro qualche cosa più accettabile nella loro lunga carriera l’hanno fatta. Incredibile, però, è la straordinaria bruttezza dell’interminabile pezzo “The day that neve comes” dal loro ultimo album, “Death Magnetic”. C’è tutto quello che non ci dovrebbe essere in un pezzo di buona musica, non ha ne capo ne coda, è lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile. Solo il video consente a chi ascolta di arrivare fino alla fine, a quei tredici secondi dopo gli otto minuti che portano al finale, una liberazione, davvero.”

Il Sindaco è già sulla cima della Montagna della Polemica a lanciare Madonne e Cristi in testa ai fottuti comuni mortali.

COLUI CHE SCRIVE E’ ERNESTO ASSANTE, IL GIORNALISTA MUSICALE ITALIANO PER ANTONOMIASIA, AMICO DI GINO CASTALDO. TUTTI E DUE SCRIVONO SU LA REPUBBLICA.

Ecco il link del post:

http://assante.blogautore.repubblica.it/2008/09/16/metallica/


Ecco il link del suo (di Assante) imbarazzante blog:

http://assante.blogautore.repubblica.it/?ref=hpblog

Ora, la cosa migliore è riprendere ogni singola frase del SUO post sui METALLICA e analizzare perché ci sono un paio di cose che non mi quadrano e vorrei se possibile una risposta dal diretto interessato qualora lui non stesse praticando l’onanismo ascoltando l’ennesima volta il disco degli Abba.

“Martedì, 16 Settembre 2008”

Iniziamo male zio, perché il disco è uscito il 12 settembre in tutti i negozi del mondo (si dice “worldwide”, è vero, scusa se a volte esagero). La notizia è arrivata in tutte le salse ed è stata comunicata in qualsiasi parte del buco del culo di questo mondo di merda. Ci hanno fatto anche un sito www.missionmetallica.com. E tu che cazzo fai? Ti svegli 4 giorni dopo parlando solo del singolo? Mi fai ridere e vomitare allo stesso momento. Ma andiamo oltre e tu intanto cacati addosso.

“Metallica”

L’idea che le tue dita avessero potuto digitare la parola METALLICA sulla tastiera del tuo pc dal quale escono una valanga di cazzate ogni minuto mi rabbrividisce, lo sai? Ma, prima di tutto: hai chiesto il permesso al management per scrivere il nome di una band che non conosci nemmeno? Io per esempio ABBA non l’ho mai scritto. E tu cacati addosso.

“Non mi sono mai piaciuti i Metallica.”

Iniziare un post con una frase del genere vuol dire solo due cose:


- che se sei un giornalista allora vai a fare altro, perché da che mondo è mondo un giornalista non deve MAI far trapelare pareri personali. In questo modo influenzi l’opinione di quei 4 sdentati idioti che ti stanno a sentire e/o leggere. E non venirmi a dire che “invece sono su un blog e scrivo quello che mi pare per essere più vicino ai lettori” perché tanto sei pagato e io delle tue opinioni me ne strabatto il belìno.

- Qualcuno per caso ti ha mai chiesto un parere sui Metallica? Uno dei tuoi 4 sdentati e idioti lettori ti ha per caso mai mandato una mail in cui ti chiede in ginocchio “Ernesto ti prego dicci la tua sui 4 Horsemen”? Contentino mal riuscito alla casa discografica? Anche no? Anche sì? In ogni caso, cacati addosso.

Ma anche loro qualche cosa più accettabile nella loro lunga carriera l’hanno fatta.”

A parte la sintassi penosa e riluttante (come mi fa notare GIUSTAMENTE una tipa su msn), questo tono superficiale e distaccato mi fa capire che parli a cazzo e che non hai mai ascoltato un disco dei Metallica. E siccome devi dare un parere (qualcuno ti ha pagato per farlo), allora diventi superiore. E quando dici “anche loro” cadi nel patetico e nel mediocre (più di quanto già lo sei): “anche loro” cosa vuole dire? Che li butti nel calderone e non sei ancora capace di valutare e dare un valore artistico a un gruppo perché oramai ti sei fottuto il cervello coi Deep Purple, gli (ancora, ma se ti dà in testa la smetto) Abba e Antonius Rex? I Metallica sono la storia del rock, zio, al pari dei Rolling Stone e Madonna. RICONOSCENZA. Questo non dimenticarlo mai perché sennò ci fai la figura del babbo di minchia. Anzi, l’hai già fatta. Quindi cacati addosso.

“Incredibile, però, è la straordinaria bruttezza dell’interminabile pezzo ‘The day that neve comes’ dal loro ultimo album, ‘Death Magnetic’”

Questo tono ironico non fa ridere, non fa ridere nemmeno accostare due aggettivi opposti come “straordinaria” e “bruttezza” perché il corso di giornalismo l’abbiamo fatto tutti almeno una volta nella vita e il gioco è bello finché -e soprattutto perché- dura poco. Non sapevi per caso come giudicare un singolo di un disco che nella migliore delle ipotesi non hai mai sentito tutto per intero perché dovevi scappare dall’ufficio alle 15 o perché invece dovevi menarcela con l’ennesima sentenza di filesharing e P2P di cui francamente me ne strainculo? E poi, Ernesto, te la devo proprio dire tutta, eh: il titolo del pezzo è “The Day That NeveR Comes”, hai dimenticato una “R”. Cosa sei superficiale, cosa non hai nemmeno riletto il post prima di pubblicarlo. E nemmeno i titoli sai riscrivere porchecccioddio porcheccio? E cacati addosso.

“C’è tutto quello che non ci dovrebbe essere in un pezzo di buona musica, non ha ne capo ne coda, è lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile.”

A ridaje! Ancora il giochetto dell’accostamento di situazioni opposte “tutto quello che non ci dovrebbe essere”? Madonna che palle, oh. Passo avanti e ti chiedo: mi fai sapere per favore quello che invece dovrebbe esserci in un pezzo di buona musica? Sei così sicuro di sapere cosa vuol dire “buona musica”? Il Capo è in Irlanda (oh, capo figa dove sei?!??!) e la Coda del suo gatto Lemmy non provare nemmeno a nominarla. “Lunghissimo, noioso, vecchio in maniera inenarrabile”. Orcodio che polemica dall’iperspazio dell’idiozia. Il tuo è un modo di scrivere arrogante, indecifrabile e puzza di stantio e statalista della Prima Repubblica, caro mio professorino del cazzo. E poi l’aggettivo “inenarrabile” forse è un po’ troppo esagerato, zio, non credi? Credi che i Metallica siano così scemi da pubblicare un singolo uguale a tutto il resto del disco? SoloMacello ha scritto due recensioni di “Death Magnetic” mica per il cazzo, voglio dire, anzi le abbiamo scritte per la figa dato che ora siamo tutti sotto e stecchiamo di bestia perché i 2/3 della nostra redazione non ha una tipa. E quindi tu cacati addosso.

“Solo il video consente a chi ascolta di arrivare fino alla fine, a quei tredici secondi dopo gli otto minuti che portano al finale, una liberazione, davvero.”

Sul video posso anche darti ragione: pure io mi sono annoiato a guardarlo. Però se avessi TU avuto un briciolo di spessore professionale e conoscenza sui METALLICAMETALLICACHEBELLOST.ANGERMETALLICADEATHMAGNETICPETTINATO avresti potuto paragonarlo, che ne so, a “One”. Ma non conosci nemmeno “…And Justice For All” quindi chettelodicoaffà. Perché non hai paragonato “The Day That NEVE Comes” a un pastone fra “Fade To Black”, “Orion” e “Master Of Puppets”? Ci avresti fatto una figura migliore, te lo dico da padre a figlio. La liberazione di cui parli, al massimo, la proverò io quando Satana mi dirà che ti hanno FINALMENTE licenziato dal quotidiano per il quale blateri, spesso e inutilmente. Indi per cui, ancora una volta, cacati addosso.

Comunque, per la cronaca “Death Magnetic” è ad oggi uno dei dischi più venduti in tutto il mondo, è salito al primo posto in Italia, Argentina, Repubblica Ceca, Belgio, Canada, Finlandia, Francia, Danimarca, Germania, Olanda, Norvegia, Polonia, Svezia, Inghilterra e USA.

I METALLICA DI “DEATH MAGNETIC” VENDONO AL MOMENTO PIU’ DI JUSTIN TIMBERLAKE, DUFFY E QUELLA SUCCHIA CAZZI DI GIUSY FERRERI MESSI INSIEME, CHIARO?



Il Vostro Sindaco




21 comments:

il primo anonimo di oggi said...

Ora mi registro con una mail fittizia e gli scrivo il commento del sindaco sul blog...

Chtulu '85 said...

Questo si che è giornalismo musicale con i controcazzi. Non piegate la testa di fronte a nessuno. Quando sarò grasso voglio essere come il Sindaco.

Il Sindaco said...

Chtulu '85 una domanda: siamo per caso fratelli? tutta sta confidenza da dove cazzo ti viene? mantieni le distanze perché sei parecchio più giovane di me, meno simpatico, e devi portare rispetto. "quando sarò grasso" tua madre.

chtulu '85 said...

mi sono cacato addosso

una miss said...

Sindaco io ti DEVO conoscere ;-)

Dimmi che il 6 ci sarai

Il SIndaco said...

se gli equilibri glicemici me lo permettono ci sarò

a. said...

ma smettetela di fare i metallari adolescenti, caro sindaco se crescessi (e il tuo pisello con te) forse avresti qualche possibilità anche di ficcarlo da qualche parte. invece di sentire i metallica.

condivido ogni singola parola di assante su quella cacata colossale dei metallica.

p.s. mi avete censurato un commento nel post dove dite che vi volete fare la mia tipa? vi ammazzo anche se andate ad abitare alla periferia industriale di firenze

Anonymous said...

no ha ragione assante. pochi cazzi diocane

Il Sindaco said...

caro a. ma chi sono gli empyrios? me lo dici? dai non lo so e devo scrivere un articolo su rumore. Grazie.

Orologiaio Frustrato said...

ma diocristo, assante non può avere ragione se parte dicendo "Ma anche loro qualche cosa più accettabile nella loro lunga carriera l’hanno fatta" - può non piacerti il disco, ma non puoi dire puttanate sminuendo il ruolo dei metallica nella storia del metal e della musica in generale. non scherziamo cazzo!

se uno esordisce con una cacata del genere in un "pezzo", tutto il pezzo perde credibilità, puzza di "facciamo l'alternativo e mostriamo che mi distacco dalla massa"... e alla fine il pezzo, da giornalistico, diventa pezzo di merda.

ASSANTE INDIE!

capitano said...

Quello che scrive assante è allucinante. Uno che inizia con una frase come la sua prima dell'articolo, non posso credere che faccia il giornalista. Diceva Zappa che il giornalismo musicale è fatto da gente che non sa scrivere che intervista persone che non sanno parlare per persone che non sanno leggere. Aveva ragione. Che scemenze...

Paolo said...

mannaggia all'unto del signore, sindaco.
per colpa tua ho cliccato su quella cagata di blog e mi son ritrovato a leggere i commenti.
i primi due in ordine temporale sono di coglioni che sono d'accordo con l'"autore", anzi il primo nn è d'accordo che si sia parlato in generale di metallica perchè tutto il metal gli fa schifo, il secondo dice che un gruppetto del genere non gli è mai piaciuto.

io pensavo che macchiette del genere esistessero solo nei film di vanzina, macchiette dell'italiano medio che, anzichè essere virile e ascoltare metal, ascolta indie.

quel blog è un accumulato di merda, e merda pure chi lo legge. quindi attento sindaco, che non so come ci sei capitato, ma non vorrei che venissi contaminato dalla malattia dei non-metallari.

il primo anonimo di oggi said...

i lipidi del sindaco faranno armatura a questo e a ben altro. Siamo noi che dobbiamo aver paura.

Paolo said...

CAZZZO hai ragione primo anonimo!

io appena ho finito di leggere quel blog, mi son ritrovato ad ascoltare i sigur ros!
un mio amico che l'ha letto, è partito con i muse "migliore band del mondo, e io li conosco da prima che fosser famosi".

è un virus... e dire che pure io ho lipidi in quantità, ma non mi proteggono.

Anonymous said...

Sono quello dell'incenso e dei libri e volevo dire che nonostante Assante scriva puttanate ed abbia una discreta faccia di minchia, riguardo ai Metallica ha una ragione porca.

il secondo anonimo di oggi said...

cagati addosso anonimo

Il SIndaco che ha i coglioni di non firmarsi "anonimo" said...

anonimo degli incensi e dei libri, argomenta per favore, se sei capace. e rispondi alla domanda "perché i metlalica ti fanno cacare"?

Leonardo Arpioni said...

Il word verification di blogger.com rompe nei coglioni (all'interno di essi).

Anonymous said...

Sono quello della lettura e degli incensi.
Cercherò di essere breve.
Per me non è possibile considerare Death Magnetic (da ora DM) ed il fenomeno Metallica, senza tener presente cosa ha rappresentato il thrash ed il ruolo che hanno giocato i Metallica nell’ambito della musica metal di questo ventennio.
Quando i Metallica hanno iniziato nei primi anni ’80 avranno avuto si e no 18 anni a testa, le motivazioni, le frustrazioni la rabbia che hanno dato vita ad un lavoro come kill ‘em all (senza contare l’apporto di Mustaine) erano una condizione peculiare di quegli anni, non riproducibile dopo venti anni e svariati milioni di dollari sul conto in banca. Oltre a questo, essendo la musica Metal e le sue ramificazioni più estreme, legate da mutua dipendenza a pulsioni giovanili è molto difficile che una band riesca in questo ambito a sviluppare, a far maturare il suo suono e le sue composizioni allo stesso passo con cui maturano i singoli elementi della band come persone.
Solo pochi, pochissimi gruppi sono riusciti in questa impresa, me ne vengono in mente un paio : Flotsam & Jetsam e Voivod su tutti. Se ci si vuol rendere conto di come anche un genere tradizionalista e poco incline ad evoluzione e sperimentazione possa maturare, bisogna ascoltare gli ultimi lavori di queste due band.
I Metallica invece, così come Stayer, Exodus e Megadeth si sono limitati a cercare una nuova verginità attraverso un suono che fatalmente a venti anni di distanza risulta artefatto, falso. Non si possono ricreare in laboratorio (studio di registrazione), stati d’animo e pulsioni che si avevano a 18 anni. Aggiungiamo a questo che le capacità tecniche dei Metallica hanno subito un costante declino da AJFA in poi, basta sentire l’approccio alla batteria di Ulrich e gli assoli di Hammet per rendersene conto. Non li biasimo per questo ma è evidente che ora come ora hanno cose diverse a cui pensare che starsene a provare ed esercitarsi per ore sullo strumento.
Insomma, non escludo che DM possa piacere a qualcuno ma per farlo bisogna che chi lo ascolta non conosca chi erano i Metallica e come suonavano negli anni ’80 e che chi invece li conosceva faccia finta di sentirli per la prima volta.

Chtulu '85 said...

hai rotto il cazzo a 'cercherò di essere breve'. qui c'è solo un parere giusto: quello del Sindaco. Anche quando dice cazzate

capitano said...

non si può FARE FINTA di ascoltare i metallica per la prima volta, con 28 anni di storia alle loro spalle.