Wednesday, February 01, 2012

Falls of Rauros - The Light That Dwells In Rotten Wood

A volte, farsi convincere, ci sta.
O autoconvincere in questo caso.
Come massaie culone ipnotizzate dall'atonale voce da travone di Mina che snocciola minchiate sulla vita, l'universo e tutto quanto nella pubblicità della Barilla, ci siamo fatti solleticare l'epididimo dai Falls of Rauros.

In questo disco c'è un bel po' di roba 'ultimamente' ci gasa: prima di tutto un nome scemo che richiama la tradizione tolkeniana neanche fossimo ancora tutti al liceo a fumare nei bagni parlando dei Nazgûl, una copertina che ci ricorda quella volta che siamo andati in gita aziendale sui fiordi e il Sindaco ha vomitato perchè gli è venuto su il whaleburger,

slikke fitte

richiami a Lupi e Agalloch - ma non è Cascadian Black Metal perchè è della west coast e i Falls of Rauros sono della east... se fazioni di gansta black sfigoni cominciano a spararsi come i niggaz negli anni '90 siamo a posto -, atmosfere, aperture, passaggi melodici/onirici, pezzi più lunghi delle cartelle esattoriali dell'equitalia... ci siamo capiti.

Ascoltatelo in it's entirety



Dove c'è Metal c'è casa

2 comments:

Bad Hands said...

mi sa che questo non mi piace...
però ci provo..

Solomacello said...

finchè è gratis